Comunità riabilitativa media assistenza (CRM)

La C.R.M. “Olimpia” è una Comunità Residenziale (Comunità Riabilitativa a Media Assistenza) con 10 posti letto ad Alta Intensità Riabilitativa che lavora con pazienti dell’area psichiatrica, affetti da diverse patologie.
COMUNITÀ RIABILITATIVA: la CRM è situata all’interno della “Casa di Davide” di Lumezzane; Il servizio riabilitativo si occupa di salute mentale in convenzione con ASST Spedali Civili di Brescia ( ex Azienda Ospedaliera ).
La struttura si compone di 14 posti letto, di cui 10 accreditati.
I percorsi riabilitativi hanno una durata massima di 24 mesi.
Gli obiettivi della CRM sono prettamente riabilitativi e risocializzanti.

Oltre alla terapia farmacologica, la metodologia di lavoro adottata dal nostro servizio prevede:

  • la formulazione di Progetti Terapeutici Riabilitativi (P.T.R.) seguendo gli obiettivi proposti dai Progetti Terapeutici Individualizzati (P.T.I.) che vengono stilati dal CPS territoriale inviante;
  • colloqui individuali;
  • colloqui con i familiari;
  • attività individuali;
  • attività di gruppo (laboratori);
  • tirocini interni;
  • tirocini S.A.R. (Socializzazione in Ambiente Reale), con la possibilità di inserimenti lavorativi.

Accesso ai Servizi

La CRM si inserisce nell’ambito dell’offerta della residenzialità psichiatrica relativamente al percorso riabilitativo intensivo mirato, residenziale e territoriale per pazienti con patologie psicotiche, dell’umore e della personalità.
Tutti gli inserimenti nei percorsi riabilitativi sia della CRM che dell’appartamento di Residenzialità Leggera sono gestiti dai CPS territoriali che, inviando la richiesta d’ingresso, creano una lista d’attesa. L’equipe avalla l’ingresso dopo aver valutato la congruità della richiesta e della presentazione del caso.
L’età ammessa degli utenti inseriti va dai 18 ai 50 anni.
Il Servizio si pone come obiettivi l’erogazione di interventi riabilitativi qualificati e mirati alle aree della psicosi (schizofrenica e schizoaffettiva) soprattutto se iniziali e nei giovani adulti; nei disturbi gravi dell’umore e nei disturbi di personalità, ove si renda necessario un percorso riabilitativo teso a stimolare le potenzialità e l’autonomia sia sociale che lavorativa, attraverso interventi integrati di tipo clinico – psicologico – riabilitativo –risocializzante – lavorativo. Patologie incluse: Schizofrenie; Disturbi Schizoaffettivi; Disturbi dell’Umore; Disturbi di Personalità.
Patologie escluse: Demenza e patologie psicoorganiche; grave ritardo mentale; dipendenza da sostanze.

 

la quotidianita’

 

dalle 07.30 alle 9.30

Sveglia, colazione ed attività di riordino e di pulizia del proprio spazio

dalle 09.30 alle 11.30

attività riabilitative, laboratori o gruppi o uscite sul territorio in base al programma settimanale, e/o colloqui individuali con le varie figure dell’equipe in base al proprio progetto.

tutti i giovedì dalle 09.00 alle 11.30

equipe generale in cui vengono valutati gli andamenti dei percorsi individuali di ogni ospite con la presenza del medico e dello psicologo, mentre nelle altre giornate si svolgono microequipe di supervisione in base alla conpresenza degli operatori

dalle 12.00 alle 13.30

pranzo e riassetto salone con mansioni a turno per ogni ospite

dalle 14.00 alle 16.00

Attività riabilitative (laboratori o gruppi o uscite sul territorio in base al programma settimanale ed al periodo, per esempio in estate vengono privilegiate le uscite risocializzanti) e/o colloqui individuali con le varie figure dell’equipe in base al progetto individuale ed alla programmazione

dalle 16.00 alle 19.30

uscite risocializzanti e/o tempo libero in cui ogni ospite decide, in accordo con l’equipe, come utilizzare il proprio momento destrutturato

dalle 19.00 alle 20.30

cena e riassetto salone con mansioni a turno per ogni ospite

dalle 20.30 alle 23.00

uscite risocializzanti e/o tempo libero in cui ogni ospite decide, in accordo con l’equipe, come utilizzare il proprio tempo

Tirocini

Interni

I tirocini Interni sono delle attività individuali strutturate per le esigenze di ogni singolo paziente in base al suo bisogno e alla necessità dell’equipe di valutarlo nelle reali capacità ed abilità di organizzazione ed esecuzione di operazioni semplici e continuative nel tempo; fino al raggiungimento degli obiettivi ed al passaggio ad un livello superiore di attività.

Esterni

Il Tirocinio S.A.R. (Socializzazione in Ambiente Reale) viene utilizzato per quelle fasce di utenti che pur non avendo problemi di apprendimento legate a difficoltà cognitive, hanno invece difficoltà relazioni e di socializzazione, non sono pertanto in grado di accedere ad un percorso di inserimento lavorativo a pieno titolo ma l’ambiente lavorativo in quanto culturalmente molto apprezzato può favorire sia la socializzazione sia l’ipotesi per il futuro di possibili percorsi lavorativi. Il percorso va costruito con la partecipazione attiva del paziente e necessità pertanto di un discreto compenso clinico e di un buon affiancamento da parte deli operatori del servizio. Le finalità non sono solo di un assunzione ma dipendono dal progetto individuale di ogni utente.

OBIETTIVI

OSSERVATIVO: riguarda la raccolta di informazioni ed elementi utili alla definizione di un percorso riabilitativo per i nuovi inserimenti sia di persone nuove che di persone già note in nuovi percorsi e/o laboratori. Per definizione tale obiettivo è temporaneo, ma il tempo di osservazione dipenderà sia dal paziente che dal tipo di percorso attivato.

MANTENIMENTO: riguarda il mantenimento delle abilità residue e di base che riguardano la sfera sociale, l’autonomia, la cura di sé e la gestione della propria quotidianità. Non si persegue in questo caso nessun obiettivo specifico volto a migliorare o incrementare la qualità di vita del paziente ma si finalizza l’intervento a mantenere lo standard di benessere acquisito.

RISOCIALIZZANTE: riguarda tutte le attività realizzate in struttura o sul territorio volte ad esercitare e migliorare il rapporto con gli altri e con l’ambiente di vita. Sono generalmente proposte a tutti coloro che risiedono in struttura o frequentano la stessa con regolarità al fine di promuovere la qualità della vita comunitaria attraverso momenti di animazione collettiva. Può riguardare anche attività occasionali sul territorio (escursioni, gite, visite guidate a mostre, monumenti ecc..)

PROPEDEUTICO: riguarda la definizione e realizzazione di passaggi evolutivi verso dimensioni riabilitative con minore protezione e potenzialmente con maggiore esposizione agli stimoli esterni (verso nuovi laboratori di espressione del sé, percorsi risocializzanti sul territorio, l’avviamento al lavoro, dimissioni da strutture in RLG o a casa ….) in generale finalizzati al raggiungimento di maggiori autonomie di vita.

laboratori e gruppi

I laboratori e i gruppi hanno finalità riabilitative e sono un ottimo strumento d’osservazione per gli operatori che seguiranno i pazienti nel loro percorso.

laboratorio artistico

Questo laboratorio si propone di aiutare i partecipanti ad esprimere la propria creatività, attraverso l’uso di differenti tecniche di espressione artistica. Lo strumento artistico permette all’individuo di esprimersi attraverso la comunicazione non verbale, soprattutto nel momento in cui il linguaggio verbale è compromesso o risulta difficoltoso. Anche prodotto artistico può essere pertanto uno strumento privilegiato per esprimere con canali comunicativi alternativi emozioni, sentimenti e pensieri.

laboratorio di cartonaggio

Il gruppo cartonaggio si propone di insegnare ai partecipanti le abilità (cognitive e manuali) necessarie alla realizzazione di oggetti in cartone e di supportarli nella realizzazione di questi prodotti. Questo laboratorio è aperto anche a pazienti esterni alla C.R.M.

laboratorio di musica

Il canto e il suono diventano un importante mezzo di comunicazione per esprimere se stessi, le proprie emozioni ed i propri vissuti ed il loro utilizzo può essere volto ad incrementare nei partecipanti una maggiore consapevolezza di sé e ad esprimere la propria personalità e creatività. Il canto ed il suonare diversi strumenti tenendo un ritmo prestabilito, inoltre, diventano un importante momento di condivisione con gli altri e di aggregazione, favorendo la socializzazione.

laboratorio di falegnameria

Il gruppo falegnameria si propone di insegnare ai partecipanti le abilità (cognitive e manuali) necessarie alla realizzazione di oggetti utilizzando legno e materiali di recupero e di supportarli nella realizzazione di questi prodotti, da utilizzare anche come allestimento stesso della struttura. Questo laboratorio è aperto anche a pazienti esterni alla C.R.M.

laboratorio di teatro

Il laboratorio è indirizzato alla stimolazione e allo sviluppo delle capacità espressive dei pazienti, attraverso varie tecniche teatrali, per migliorare la conoscenza di se stessi, la socializzazione, il movimento nello spazio, il mettersi in gioco di fronte ad altre persone e l’incrementare l’autostima stessa del paziente attraverso la valorizzazione delle proprie capacità e dei propri vissuti. Il gruppo è aperto a pazienti esterni alla C.R.M.

laboratorio di cucina

Il laboratorio di cucina si propone di mantenere e implementare le abilità domestiche presenti negli ospiti della CRM.

gruppo attività motorie

Il gruppo attività motorie ha come obiettivo quello di stimolare i pazienti in attività che servano alla cura del sé e al miglioramento/mantenimento dell’attività corporea, utilizzando strumenti come la palestra, la piscina, le escursioni in montagna ed altre attività corporee, sempre tenendo in considerazione lo stato psico-fisico del paziente stesso

gruppo coffea club

Il gruppo coffea club si svolge quotidianamente ed è un momento di risocializzazione, durante il quale ospiti e operatori condividono la pausa-caffè parlando liberamente dell’organizzazione della giornata e di temi di attualità. Inoltre sancisce l’inizio delle attività, infatti al termine dello svolgimento di questo gruppo si iniziano i laboratori per chi è coinvolto, mentre per gli altri pazienti ci sono a disposizione il medico, I.P. e O.S.S.

gruppo comunità

Il gruppo comunità si propone di creare un momento di incontro tra tutti gli ospiti della comunità per discutere le eventuali problematiche relative alla convivenza quotidiana e ricercare una soluzione comune, per proporre ricette da preparare nel gruppo convivio e per decidere le uscite del gruppo tempo libero e del fine settimana.

gruppo mettiamoci in discussione

Caratteristiche : si colloca in posizione intermedia tra le attività riabilitative di base e la psicoterapia. la relazione e la comunicazione sono gli strumenti principali di lavoro è un contesto in cui il paziente può sperimentare rapporti spontanei in una situazione tutelante la discussione consiste nel dialogare liberamente di argomenti proposti dai partecipanti Obiettivi
La finalità generale è quella di recuperare consolidare le capacità relazionali e comunicative del paziente. Gli obiettivi specifici sono:
Sostenere l’Io del paziente Aiutare il paziente a migliorare la sua capacità nel riconoscere i propri stati emotivi ed affettivi Migliorare i comportamenti del paziente Strutturazione: gli incontri sono settimanali e hanno una durata compresa tra l’ora e l’ora e mezza gli incontri sono condotti dal Medico Psichiatra con il supporto di un Educatore o di un infermiere ad ogni incontro a turno i partecipanti portano un argomento a scelta e devono presentarlo al resto del gruppo che una volta terminata la presentazione apre la discussione sull’argomento la presenza del medico e degli operatori funge da facilitatori ed osservatori

gruppo tempo libero

Il gruppo tempo libero vuole essere un supporto al paziente per riprendere a costruirsi una giornata, porsi degli obiettivi e riscoprire quello che può essere piacevole fare nelle tante ore “vuote”, è un primo passo verso un obiettivo più ambizioso.